Il disservizio della raccolta differenziata

Alla cortese attenzione della SEA e al Comune di Campobasso

Buonasera, sono Barbara Rinaldi la coordinatrice della segreteria nazionale e della regione Molise del movimento politico Forconi.
A Campobasso mi ritrovo, in quanto, gestisco un’attività commerciale nel settore della ristorazione.
Questa sera mi ritrovo come ogni sera e a volte anche 2 volte al giorno a recarmi da via ziccardi in fondo a via Petitti a gettare l’organico.
Tutto questo sarebbe normale se non avessero istituito in forma sperimentale la raccolta differenziata della spazzatura.
La quale consiste nel posizionare dei multi container di diversi comparti e in diverse ore del giorno e luoghi del centro storico.
Questo progetto approvato dal comune di Campobasso e appaltato alla SEA non è congeniato per chi come me opera nel settore della ristorazione. Gli sportelli dei raccoglitori sono di una capienza di circa 2 kg. Pertanto mi spiegate quante buste di organico dovrei fare per poterle gettare? Il servizio non è adeguato e non ricopre le giuste esigenze dei ristoratori e di coloro che hanno attività affini.
La società appaltatrice è la SEA, alla quale le contesto la non disponibilità di poter usufruire di raccoglitori esterni che possono essere smaltititi dagli stessi operai, in quanto, tutti i miei colleghi li hanno a disposizione e non vedo la ragione perché la legge non può essere uguale per tutti! Secondo, gli orari inconsueti per lo smaltimento non sono compatibili per i ristoratori e la complicità di un Comune che non tutela i propri contribuenti ma a fine mese tirano solo le somme di quanto hanno guadagnato sulle spalle della povera gente.
Pertanto, aspetterò che mi venga consegnata la fattura della tari per poterla FORCONARE e metterla nel sedere dei responsabili di questo disservizio.
Buonanotte.
Attenderò se lo riterrete moralmente giusto una vostra risposta.
info: #forconi
www.forconi.org
3480610705

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *