“Honeste vivere, alterum non laedere, suum cuique tribuere”

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio al chiuso

Il Movimento politico dei Forconi si schiera nettamente contro alcune gestioni a dir poco scandalose del Movimento grillino in Sicilia ed altre parti dell’Italia.
Ma quanto sono stupidi questi grillini che urlano nelle piazze «onestà, onestà» e poi si fanno beccare a togliere le multe ai loro amichetti?
È successo a Torino. Paolo Giordana, capo di Gabinetto e braccio destro della sindaca Chiara Appendino, è stato intercettato mentre pietiva il più classico e stupido abuso di potere, roba da sottobosco di Prima Repubblica. Giordana non è soltanto un tecnico, è l’ideologo della Appendino, il Rasputin dei Cinquestelle, uno organico al movimento degli onesti, che solo poche ore prima aveva subito un altro colpo, cioè l’avviso di garanzia per turbativa d’asta al proprio sindaco di Livorno Filippo Nogarin.
Ricordiamo la sorella di Cancellieri capogruppo M5S in Sicilia e adesso candidato alla Presidenza,, Azzurra Cancellieri deputata, e il numero esorbitante di segretarie ed assistenti parlamentari mogli, figlie e fidanzate di colleghi del movimento grillino.
Chi fa aumentare lo stipendio al fratello del suo socio, chi toglie le multe agli amici, chi pasticcia con i bilanci e chi con gli appalti. Da Roma a Torino via Livorno è questo il bilancio del partito degli onesti dove è andato al governo.
Del resto che c’è da aspettarsi di diverso da un partito il cui leader, Beppe Grillo – come racconta Antonio Ricci, padre di Striscia la notizia, nella sua biografia anticipata ieri dal Corriere -, non tanti anni fa girava nudo negli hotel di Tokyo facendo agguati ai clienti, copiava le battute da altri autori e millantava di aver scritto famose canzoni? Una simpatica canaglia, un pregiudicato per omicidio che non ha mai smentito di essere stato pure evasore fiscale. Di lui, e degli onesti che impongono ai loro dirigenti di togliere le multe agli amici, si sono innamorati pezzi forti della magistratura moralizzatrice, da Piercamillo Davigo a Nino Di Matteo, eroe dell’antimafia pronto a lasciare la toga per entrare in un eventuale governo Cinquestelle. Piccoli truffatori e feroci moralizzatori in campo al grido di «onestà trallallà». Storia già raccontata da un altro capocomico, Totò, nel celebre film Gli onorevoli, in cui il maldestro e nostalgico Antonio La Trippa tentò di scalzare il potere al motto di «vota Antonio, vota Antonio». Salvo poi scoprire che la sua squadra era più furba e corrotta di quella che si proponeva di sostituire. Abbiamo tutti riso, era solo un film.
Vai a immaginare che Grillo avrebbe provato a metterlo in pratica.
Purtroppo bisogna ammettere che il giurista latino Ulpiano, non pensava che questo motto, dopo aver rappresentato le fondamenta del diritto latino, oggi in Italia sarebbe stato completamente “rivoltato” sia dai vecchi che dai nuovi politici.
I FORCONI unica e sola speranza per l’Italia!!!
Roma, 31 ottobre 2017

Il Segretario organizzativo nazionale e Coordinatore Regionale Abruzzo del movimento dei FORCONI

Antonio Turdò

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *