I dati Svimez

I dati Svimez dicono che in Abruzzo è necessaria una svolta.
Leggendo i dati presentati dalla SVIMEZ( Associazione per lo Sviluppo dell’Industria nel Mezzogiorno) del 2016 si vede chiaramente che stiamo facendo dei dolorosi e rovinosi passi indietro. Prendendo i dati ISTAT del 2015 che vedeva un incremento del PIL ( prodotto interno lordo) del 2,5 % confortante poiché indicava che forse si era giunti alla fine di un ciclo terribile di sacrifici e disoccupazione ma voleva sottintendere anche una vera e propria inversione di tendenza che fosse in grado di disegnare nuovi e positivi scenari negli anni futuri.
Invece i dati SVIMEZ ci tolgono questa aspettativa e speranza!
Ci dicono invece che l’Abruzzo è ancora in una fase di transizione tra stagnazione e crescita , anzi oserei dire decrescita, decretando una diminuizione dello 0,2% mentre nel resto del Mezzogiorno abbiamo livelli di crescita espansiva dell’ 1 % in tutto il resto dello Stivale del 0,9%.
Sicuramente tanti sono i motivi che ci stanno penalizzando, la situazione degli eventi sismici, è risaputo che molti hanno abbandonato il nostro territorio a causa di questo timore.
Ma oltre a fattori extra economici ci sono fattori e ritardi amministrativi e quasi tutti di carattere regionale che stanno incidendo definitivamente.
L’utilizzo dei fondi del Masterplan va a rilento, con la conseguenza che gli investimenti pubblici sono venuti a mancare proprio in una fase in cui occorreva riagganciare e consolidare la ripresa.
L’elevato indebitamento della nostra regione ha di fatto impedito che risorse pubbliche endogene( risorse interne) potessero essere destinate allo sviluppo ed alla crescita.
I bandi dell’agenda europea 2014-2020 sono tutti fermi al palo- è bene ricordare che siamo nel 2017- e questo ha comportato una seria incapacità di attrarre risorse pubbliche esogene( risorse esterne) che potevano aiutare in modo concreto le imprese nella innovazione e sviluppo.
La crisi nel lavoro anche se non appare nella sua globalità è sostanziosa poiché i nuovi contratti sono quasi tutti temporanei o a tempo determinato e ciò ha prodotto conseguenze sia sul piano produttivo, dove bisogna ricordare che abbiamo dati sull’export che testimoniano una positività vera e reale, ma hanno risvolti anche sul sociale e sul demografico con una parte di popolazione addirittura a rischio povertà e questi dati messi insieme non permettono la creazione di redditi adeguati e non riescono a ridurre la sfiducia verso il futuro.
In tutto questo vediamo la giunta D’Alfonso immobile, statica, oltre le ombrelline , sanno solo fare il tanga sulle spese sanitarie che compaiono e scompaiono con una maestria tutta teatrale.
Delle sane dimissioni ci permetterebbero di andare al voto e rimetterci in carreggiata, ma da questo Consiglio regionale pieno e zeppo di lacchè nullafacenti e nullatenenti non c’è da aspettarsi molto, pensano a curarsi il loro orticello pieno di zucche, cocomeri e foglie secche.
Pescara, 01 agosto 2017
Il Coordinatore Regionale abruzzese FORCONI

Antonio Turdò
Recapito telefonico : 3331077384

L'immagine può contenere: 2 persone, persone in piedi, vestito elegante, barba e spazio all'aperto
Facebook Comments

1 commento su “I dati Svimez”

  1. Condivido pienamente l’articolo del nostro Coordinatore regionale Abruzzo, augurandogli di continuare il proficuo lavoro di informazione al cittadino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *