La proposta Fiano

La legge Mancino e la proposta Fiano
La legge Mancino – che è vigente dal 1993 – sanziona i comportamenti legati all’ideologica nazifascista che incitano alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, religiosi o altri ancora. Cosa ancora diversa è l’apologia del fascismo prevista dalla legge Scelba del 1952 e punisce chi “promuove ed organizzi sotto qualsiasi forma, la costituzione di un’associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista, oppure chiunque pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche”.
Cosa prevede invece la proposta di legge del Pd? Prevede l’introduzione nel codice penale dell’articolo 293 bis per punire “chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco”.
La pena prevista è tra 6 mesi e 2 anni. Come spiegano alcuni parlamentari democratici, insomma: basta saluto romano, gadget nostalgici e varia merce delle stessa categoria. “Con aggravante se tutto questo viene attuato attraverso strumenti telematici o informatici” quindi attraverso il web.
Qui dentro sono intese anche produzione, distribuzione, diffusione o vendita di gadget che raffigurino persone, immagini o simboli chiaramente riferiti al nazi-fascismo.
Sarà reato anche richiamare pubblicamente la simbologia o la gestualità di quei partiti in maniera inequivoca (è il caso del saluto romano) e il delitto sarà aggravato (con la pena aumentata di un terzo) se la la propaganda del regime fascista e nazifascista sarà commessa attraverso strumenti telematici o informatici.
Personalmente resto del parere contrario, in quanto non si può condannare un’ideologia politica, perché sarebbe come condannare anche chi non è cristiano. I veri dittatori ed eretici sono loro quelli del PD e tutti i Comunisti.
Barbara Rinaldi, coordinatrice della segreteria nazionale dei Forconi.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *